Solaia

Questo vino nasce grazie a una delle famiglie più importanti toscane: La Famiglia Antinori. Da ventisei generazioni l’intera famiglia continua quella storia la quale ad oggi ne fa una delle aziende Italiane più conosciute ed apprezzate a livello mondiale. ll Solaia è senza dubbio uno dei vini più famosi al mondo e uno dei primi supertuscan, inventati nel 1978 quando il marchese Piero Antinori decise di imbottigliare in purezza il Cabernet eccedente il fabbisogno di produzione del Tignanello (il primo supertuscan di casa Antinori). Al principio furono solamente quattro mila bottiglie circa, ma il risultato fu di tale portata che si decise di riprovarci.
Solaia deve il proprio nome al vitigno dal quale proviene il cabernet che ne è alla base: si tratta di circa dieci ettari di terreno all’interno della famosa Tenuta Tignanello. Il 1978 non fu commercializzato subito perché considerato un vino non del tutto convincente. Il 1979 fu la prima annata a fare la sua comparsa seguita poi dal 1982.
Il successivo riassaggio dell’annata del 1978 mostrò la vera stoffa del vino e si decise per la sua uscita seppur tardiva. Nel tempo venne ufficializzato il blend finale: 75% di cabernet sauvignon, 5% di franc, 20% di sangiovese. Dal 1993 Tachis lascia il testimone a Cotarella il quale introduce subito una novità: la malolattica in barrique. Da allora, un continuo processo di affinamento tecnico in vigna e in cantina: particolare attenzione alla maturazione fenolica delle uve per ottenere tannini dolci. Oggi il Solaia è un riferimento importante per i vignaioli di tutto il mondo, dal Médoc all’Australia fino ad arrivare al 2000 dove questo supertuscan è stato giudicato il miglior vino del mondo dalla rivista Wine Spectator.

Scopri tutti i nostri vini